TERAMO – LA MAFIA NIGERIANA ALLA PARI DI CAMORRA E ‘NDRANGHETA: 47 ARRESTI.

Originariamente si era stabilita nel casertano poi, negli anni, la mafia nigeriana è penetrata in tutte le regioni italiane facendo ottimi affari nel settore della prostituzione e droga. Assai pericolosa questa tipologia di criminalità organizzata va contrastata con ogni mezzo disponibile per la sua altissima pericolosità sociale.

Teramo – La mafia nigeriana sempre più presente in Europa e nel mondo, capace di ramificarsi utilizzando i metodi delle mafie tradizionali a partire dall’affiliazione alla cosca, con la variante del rito tribale ma con un denominatore comune: chi sbaglia paga con la morte. Una vasta operazione condotta dalla Polizia di Teramo, in collaborazione con quella di Ancona, ha portato all’arresto di 47 nigeriani, tra il Centro Italia e Catania, accusati di tratta di esseri umani droga e sfruttamento della prostituzione. L’associazione, denominata “Supreme Eiye Confraternity (SEC)” o “EIYE”, era radicata in Nigeria ma diffusa in molti Stati europei ed extraeuropei ed era equiparata per struttura e forza intimidatoria alle mafie nostrane.

Affiliati alle cosche nigeriane tratti in arresto.

Ti potrebbe interessare anche ——->>DALLA QUINTA SPONDA ALLA SICILIA: LA TRATTA DEGLI SCHIAVI

Dalle indagini è emerso che gli arrestati facevano parte della cellula denominata “Pasha” che ha una competenza geografica e territoriale dalla zona costiera della provincia di Teramo fino ad Ancona ma con capacità di diramazioni dappertutto. Molti degli arrestati, infatti, operavano nel catanese. Gli inquirenti hanno ricostruito che la cellula territoriale degli “EIYE“, così come l’associazione mafiosa di cui costituisce una costola, si caratterizza per la segretezza del vincolo associativo, la ritualità dell’affiliazione, l’adozione di linguaggio e simbologia rigorosi, la violenza delle azioni.

Gli arrestati devono rispondere anche di sfruttamento della prostituzione

Ti potrebbe interessare anche ——->>FERRARA – LA MAFIA NIGERIANA CONTROLLA IL MERCATO DELLA DROGA. BLITZ DELLA POLIZIA.

L’ingresso nell’associazione è subordinato ad un rito di affiliazione che avviene alla presenza del vertice e di altri membri del gruppo e nel corso del quale si alternano atti di violenza a riti tribali Così si formula il giuramento di fedeltà agli EIYE con il quale l’affiliando si impegna al rispetto delle regole dell’associazione denominate “Orientation“. L’ingresso nella confraternita è a pagamento, una sorta di tassa che serve al finanziamento della confraternita verso la quale gli associati si mettono a disposizione a vita.

Ti potrebbe interessare anche ——->>TRA RITI WOODOO E MALEDIZIONI LA MAFIA NIGERIANA PRENDE PIEDE

LA MAFIA NIGERIANA ALZA IL TIRO