SIAMO TUTTI JOKER

Il clown raccoglie incassi da capogiro, fa commuovere ed invoglia alla riflessione.

E finalmente arriva il giorno in cui un cine-comic riesce a vincere il primo premio durante un importante festival cinematografico.
Il Leone d’ Oro di Venezia ha sorpreso gli addetti ai lavori, sdoganando un genere in continua crescita dopo la la trilogia del Cavaliere Oscuro di Nolan e, soprattutto, dopo gli ultimi Avengers: Infinity War e End Game.

Il premio è soprattutto un tributo alla grandissima interpretazione di Joaquin Phoenix che ci regala un Joker struggente, commovente, nonché folle e perverso come mai prima d’ora.

Joaquin-Phoenix
Joaquin Phoenix

Ritorniamo alle atmosfere cupe ed epiche del Cavaliere Oscuro, di cui il film può quasi essere considerato un prequel, dimentichiamo Shazam ed Acquaman: il regista Todd Phillips prende tutto “tremendamente sul serio” e ci accompagna alla scoperta di una Gotham City nell’anno del Signore 1981.
Qui la differenza tra poveri e ricchi è sempre più marcata, la delinquenza imperversa e Thomas Wayne decide di candidarsi sindaco della città per riportare pace ed ordine, ma a quale prezzo?

Il-regista-Todd-Philips
Il regista Todd Philips

Intanto, il giovane Arthur Fleck abita con la madre vecchia e malata e lavora come clown sino a quando non viene licenziato e decide di reagire ad anni di soprusi con una spirale di violenza che sembra non avere fine.
Arthur è un reietto della società, un disadattato che non riesce a tenere un lavoro, non ha amici, cerca aiuto e non trova nessuno disposto a concederglielo. Reagisce scegliendo la vendetta.

Come non pensare allora a quei ragazzi del quartiere Molenbeek di Bruxelles, che, senza un futuro e senza una speranza, cedono alle lusinghe dell’ISIS e dell’integralismo islamico.
Uno spettacolo che fa dunque riflettere e che non rinuncia neppure alle citazioni, richiamando il film di Martin Scorsese “Re per una Notte” nel personaggio di Robert De Niro: un anchorman televisivo intenzionato a regalare ad uno stralunato Joaquin Phoenix i famosi dieci minuti di celebrità.

In definitiva, “Joker” apre ai cine/comics nuove frontiere che stanno solo aspettando di essere esplorate: è un film che va visto, senza se e senza ma.

Joker