PARTITE IVA D’ITALIA, UNITEVI!

Dai senza tetto alla bottega alimentare, dall’abbigliamento gratuito ai lavoratori autonomi “Gli Invisibili Onlus” si occupa di chi non riesce a sbarcare il lunario

Dalle statistiche è definita “nuova povertà” ma c’è chi ritiene sia una definizione imprecisa, giacché ormai presente da un decennio, da quando, ovvero, è iniziata la “grande crisi”. Cristina Puglisi Rossitto, bresciana, trapiantata nella Messina bene che per lavoro da vent’anni è un’ importante consulente aziendale e da sette anni, per vocazione, si dedica al volontariato in città. Aiutando famiglie economicamente vulnerabili si dichiara stanca di essere lo strozzino delle sue aziende clienti e annuncia che, gratuitamente, sarà un punto fermo in qualità di Vice Coordinatore Regionale per la Sicilia e Coordinatore provinciale di Messina del “Movimento Autonomi e Partite IVA”, in una lotta per la tutela nazionale delle partite IVA. Queste le dichiarazioni di Cristina Puglisi Rossitto in merito al panorama sociale odierno:

Cristina Puglisi Rossitto

I governanti la chiamano crisi, io la chiamo strafottenza, disinteresse, intenzione di uccidere quel tessuto lavorativo strategico che ha fatto grande l’Italia dal dopoguerra: artigiani e piccole imprese. Farli fallire significa fare fallire l’Italia e fare fallire l’Italia significa venderla al miglior offerente; si pensi che dall’inizio della crisi economica attualmente in atto (dal 2008) altre 830 imprese italiane sono passate nelle mani di investitori stranieri mentre per le imprese italiane l’unica risposta alla crisi è la chiusura (364 aziende al giorno) o la delocalizzazione.

La sede di Messina sarà inaugurata l’8 Febbraio da Cristina Puglisi Rossitto in via dell’università numero 16, con l’auspicio di chiamare all’unisono le proteste dei piccoli commercianti. Cristina Puglisi Rossitto con la sua associazione “Gli Invisibili Onlus” è nota da tempo nella provincia siciliana. Ha iniziato nel suo piccolo, con un sottofondo di impotenza, ad aiutare i senzatetto della Stazione di Messina. Poi ha capito che poteva fare ancora di più per il prossimo, cosicché negli anni ha realizzato diversi progetti a sostegno delle famiglie che segue assieme ai volontari; tra gli ultimi “Benefit” (un negozio sociale di abbigliamento gratuito) e “DonHaus” (una bottega alimentare a costo zero, cui usufruiscono le famiglie seguite dall’associazione). Cristina Puglisi Rossitto in questi ultimi anni è addirittura finita nei rotocalchi de “La Famiglia Cristina” e sul programma Rai “La vita in diretta” per l’iniziativa “Pane in Sospeso”. Cristina Puglisi Rossitto si racconta così:

Con l’associazione che rappresento, gli “Invisibili Onlus”, ho conosciuto, parlato, sostenuto migliaia di persone e mi sono resa conto che moltissime erano Partite IVA o ex Partite IVA che hanno dovuto chiudere i battenti. Ma purtroppo negli anni nulla è cambiato nella realtà sociale che vivo quotidianamente e ho visto decuplicare il numero di famiglie economicamente vulnerabili. Ho finalmente compreso che per aiutare le famiglie devo necessariamente fare altro, qualcosa di più incisivo.

Lo scorso Novembre, per sostenere le spese di Benefit e Don Haus, ha pubblicato “Binario Uno”, scritto a quattro mani con il Giudice Salvatore Mastroeni (GIP del Tribunale di Messina), anche lui attivo nel sociale insieme al suo gruppo “Gli Amici di Madre Teresa”. Binario Uno ha avuto recensioni lusinghiere ed un successo inaspettato tanto che gli incassi, interamente devoluti alla ONLUS, sovvenzioneranno l’attività di Benefit e DonHaus ancora per qualche mese. Cristina Puglisi Rossitto non si arrende, spiega che non abbandonerà gli artigiani e i piccoli lavoratori a partita IVA, e anzi gli esorta a prendere parte a un’importante manifestazione nazionale il prossimo 26 aprile:

Io non ci sto più a dover essere lo strozzino delle aziende miei clienti, non voglio più chiedere un “pizzo statale” che porta ogni partita IVA a pagare più del 64% di imposte. Ho deciso di dedicare anima e corpo a combattere, difendere e proteggere come posso le Partite IVA e non esiterò a mettere in atto forme di protesta per sensibilizzare chi di competenza al problema. Il 28 gennaio sarò a Milano per incontrarne i vertici e concordare l’attività da svolgere nei prossimi mesi, le iniziative da intraprendere e l’organizzazione della manifestazione nazionale delle Partite Iva che si terrà il 26 Aprile dalle 10.30 a Milano.