PALAIA – SI ALLONTANA DA CASA E FINISCE IN UN DIRUPO. FORSE UN INCIDENTE.

Le indagini proseguono per stabilire le cause della morte e che cosa abbia fatto la donna scomparsa durante i cinque giorni di assenza da casa.

La donna scomparsa e ritrovata morta.

Palaia – Dal 18 Agosto non si avevano più notizie di Simona Bimbi, 46 anni, educatrice di Forcoli, frazione di Palaia in provincia di Pisa. La donna era uscita di casa alle 8.45 con borsa, cellulare e documenti, per poi salire a bordo della sua Hyundai i10 bianca, senza fare più ritorno. Quel giorno aveva un appuntamento con un’amica al quale non si era presentata e, da allora, era calato il silenzio assoluto mentre il telefonino risultava spento.

Simona, mamma di due figlie di 11 e 18 anni, è  stata descritta da parenti e amici come una donna serena e tranquilla, senza apparenti problemi. Recentemente, però, due avvenimenti avevano turbato il suo equilibrio: la  separazione dal marito e la chiusura, per il lockdown, dell’asilo nido privato, l’Ape Maja di Lari (PI), che la donna gestiva insieme ad altre maestre. Momenti difficili a cui l’educatrice sembrava aver risposto positivamente, tanto che era rimasta a vivere, per non allontanarsi troppo dalle figlie, in un appartamento sullo stesso pianerottolo dell’ex marito e stava riorganizzando l’imminente riapertura in sicurezza della scuola materna.

Due le tracce di Simona in mano agli investigatori: quella di una telecamera che la riprendeva a Rosa di Terriciola, località non lontana da casa e il segnale di un ripetitore della Tim che agganciava il suo cellulare a San Vivaldo, frazione di Montaione, verso le 12.30 del giorno stesso della scomparsa.

Non sono mancate segnalazioni che, purtroppo, si sono rivelate infondate o ancora in corso di accertamenti da parte dei militari dell’Arma. Le ricerche, coordinate dal maresciallo capo Simon Luca Prandini della stazione di Palaia e dal comando della compagnia di San Miniato, sono partite giovedì 20 agosto senza mai fermarsi e hanno coinvolto, oltre ai carabinieri e i vigili del fuoco, anche le squadre di volontari della Misericordia di Forcoli e della Protezione Civile:

“…L’obiettivo prioritario è quello di trovare l’auto in modo da poter stringere il raggio delle ricerche. Al momento non ci sono novità – ha spiegato il viceprefetto vicario di Pisa, Nicola De Stefano stiamo cercando nell’area di Palaia e Montaione, zone che la donna era solita frequentare, ma al momento ogni sforzo è stato vano...”.

Simona Bimbi.

Ti potrebbe interessare anche —->> MESSINA – CINZIA DE LEO SCOMPARSA NEL RAPIDO VOLGERE DI QUALCHE ISTANTE

Il territorio battuto da volontari e forze dell’ordine è molto ampio e si sono effettuate ricerche anche dall’alto con l’elicottero dei vigili del fuoco. Sono state individuate anche alcune vetture simili a quelle della donna ma, a seguito di verifiche, nessuna delle auto era riconducibile a quella dell’educatrice. 

L’ex coniuge aveva espresso i suoi dubbi riguardo all’allontanamento di Simona:

”…Non so cosa le sia scattato nella testa – si è chiesto l’uomo – forse qualcosa nel nostro rapporto, il lavoro o suoi problemi personali, proprio non lo so ma sono invece certo che se avesse voluto prendere qualche giorno solo per sé avrebbe avvisato. Le nostre figlie stanno vivendo un momento drammatico, ma sono convinte che la loro madre tornerà a casa…“.

Vigili del Fuoco durante il recupero della salma.

Poi il terribile epilogo: la povera donna è stata ritrovata cadavere all’interno della sua autovettura nella tarda mattinata di oggi. L’auto sarebbe finita dentro un dirupo in località Garetta, nel territorio di Chianni. Molto probabilmente si è trattato di un incidente ma le indagini continuano per appurare l’evolversi dei tragici eventi durante i cinque giorni di assenza da casa. 

 

Ti potrebbe interessare anche —->>

COURGNE’ – LITIGA CON I GENITORI E SCOMPARE DA CASA