OMICIDIO-SUICIDIO A RHO. INDAGANO I CARABINIERI.

Un uomo di 38 anni ammazza a colpi di pistola la sua compagna e poi si spara in testa

I carabinieri sul luogo del duplice fatto di sangue.

RHO – Un uomo di 38 anni e una donna di 52 sono stati trovati morti nell’appartamento in cui abitavano a Rho in via Ticino.  Il grave fatto di sangue è accaduto nella tarda serata del 2 aprile scorso. Durante un breve alterco l’uomo avrebbe freddato con un colpo di revolver la donna, separata e madre di due figli, per poi spararsi alla testa subito dopo. Da una prima sommaria ricostruzione effettuata dai carabinieri l’operaio avrebbe consumato l’omicidio-suicidio nel giro di qualche istante e per motivi ancora in corso di accertamento. I due vivevano insieme da qualche mese ed il loro rapporto sentimentale pare fosse assai tormentato, specie in queste ultime settimane. I due conviventi sono stati ritrovati riversi sul divano di casa e nulla hanno potuto fare i soccorritori del 118 se non dichiararne la morte. Accanto al cadavere dell’uomo è stato ritrovato il revolver 38 special, illegalmente detenuto, con altri tre proiettili nel tamburo. I militari del nucleo Radiomobile sarebbero stati avvisati dalla madre dell’uomo che aveva tentato invano di mettersi in contatto telefonico col figlio. Le indagini proseguono con la trascrizione delle dichiarazioni di parenti e vicini di casa. Ancora sconosciuto il movente anche se indiscrezioni farebbero risalire il duplice assassinio a motivi passionali e di gelosia oltre che di disagio sociale.