METAL DETECTOR – SECONDA PARTE DEL MINELAB E-TRAC, UNA GRANDE MACCHINA PRECISA

La discriminazione e il sistema di conduttività come parametro di ricerca sono i suoi pezzi forti. ma rimane un metal per esperti nonostante anche i dilettanti evoluti possano utilizzarlo con soddisfazione.

Minelab E-Trac, control box

Ciao a tutti Amici e ben ritrovati. Eccoci con la seconda parte della recensione sul Minelab E-Trac. La scorsa settimana vi abbiamo spiegato qualche dato tecnico e il funzionamento della pulsantiera sul display, oggi vogliamo parlarvi dei menù e del display grafico, nonché della discriminazione, punto di forza di questa splendida macchina.

Accendiamo il metal con l’apposito pulsante, una volta fatto il check sul metal detector apparirà un grafico, questo metal detector non ha un valore ID come altri, infatti funziona con un indice di conduttività del ferro, il cosiddetto Fe-Co. Sul display nella parte centrale si nota la nostra discriminazione. Il riquadro è composto da due colori uno bianco e l’altro nero. Il primo corrisponde ai target che si vogliono ricercare e accettare mentre il secondo quelli che vogliamo rifiutare.

La conduttività ferrosa è alla base della sua ottima discriminazione

Sul lato sinistro troviamo il livello di sensibilità del metal detector suddiviso in due barre: la prima di sinistra e quella che rappresenta l’impostazione data dall’utente mentre quella di destra rappresenta la sensibilità suggerita dalla macchina per quel tipo di ambiente. Sul lato opposto troviamo il livello di profondità dell’oggetto indicato dal disegno stilizzato di una piastra.

Sopra il rettangolo centrale una volta individuato l’oggetto appariranno due numeri che sono le coordinate della ferrosità e della conduttività riportate sotto nel grafico. Premendo il pulsante con raffigurato un libro entriamo nel menù e utilizzando le frecce possiamo spostarci all’interno di esso dove troveremo i modi d’uso, la discriminazione, la sensibilità, l’audio, il menù esperto e le preferenze.

I parametri da conoscere sono diversi ma dopo lo studio del manuale e le esperienze sul terreno le soddisfazioni sono assicurate

Ogni voce e dispone di un sotto-menù per poter regolare in toto il metal detector. Ci sono anche modalità standard già preimpostate: monete, high-trash, spiaggia, ricerca bellica per tutti coloro che hanno appena iniziato a divertirsi con questa macchina. Stessa cosa vale per la discriminazione. L’E-Track è dotato di 10 tipologie di discriminazione pre-programmati: tutti i metalli, monete, gioielli, stagnola, strappo lattina, tappi a corona, tappi a vite, chiodi, ferro, monete in ferro.

È possibile, passando un oggetto davanti alla piastra, fare in modo che il metal detector rilevi solo quel tipo di oggetto. Come potete vedere questa macchina in fatto di discriminazione è veramente ottima. E non fa scherzi considerata la precisione. E anche per questa settimana lo spazio a nostra disposizione è terminato. Ringraziandovi per la lettura vi ricordiamo di seguirci la prossima settimana per la terza parte della recensione. 

 

Ti potrebbe interessare anche —->>

METAL DETECTOR: IL MULTIFREQUENZA SOLO PER APPASSIONATI “TOSTI”