METAL DETECTOR: IL MULTIFREQUENZA SOLO PER APPASSIONATI “TOSTI”

Un apparecchio che lavora in multifrequenza non è indicato per dilettanti. Piuttosto per appassionati evoluti in grado di capire e di sfruttare appieno il metal della Minelab Electric.

Minelab E-Trac

Ciao a tutti Amici, questa settimana vogliamo recensire un metal detector che lavora in multifrequenza simultanea, cioè una macchina in grado di funzionare con più frequenze insieme. infatti il Minelab E-Trac utilizza la tecnologia FBS (Full Band Spectrum). Il circuito FBS trasmette automaticamente le frequenze multiple in modo simultaneo dunque dalla piastra vengono emesse treni d’onda che risuonano su frequenze diverse.

                                                                                           La plancia comando

L’aumentata gamma di frequenza permette al segnale ricevuto dalla bobina di ricerca di essere analizzato da un’ampia gamma di responsi che si traduce in più possibilità di analizzare i target che andiamo cercando. Ciò permette a E-Trac di verificare più informazioni sull’obiettivo ed in questo modo l’identificazione (ID) è più accurata.

La gamma di frequenze utilizzate va da 1,5 a 100 kHz, viene fornito con una piastra di 11″ doppia D, il suo peso è di 2,1 kg escluse batterie. Viene fornito con due pacchi batterie: uno ricaricabile NiMH 9,6V mentre l’altro può contenere otto batterie da 1,5 V.

Passiamo alla descrizione del display e ad alcune funzioni: sul lato sinistro in alto troviamo il tasto accensione, lo stesso con una pressione prolungata di oltre tre secondi permette al metal-detector di resettarsi alle impostazioni di fabbrica. Il pulsante sotto con icona della freccia verso destra nella Visualizzazione Crea modifica Crea Dimensione Cornice.

Test in aria

La pressione in Combina inverte il Modello di Discriminazione selezionato, sul lato sinistro troviamo quattro frecce direzionali per navigare all’interno dei menù. Il pulsante con l‘icona del libro serve per accedere a tutti i menù. Subito sulla destra troviamo un pulsante con l’icona mirino che serve per il Pin-pointer.

Nel lato destro dello schermo, partendo dall’alto, abbiamo il pulsante della retroilluminazione, più in basso troviamo la  che ha le stesse funzioni di quella speculare. Poco al di sotto troviamo il pulsante Quick Mask, il pulsante dell’eliminazione dei disturbi da utilizzare sempre prima di iniziare a spazzolare, premendolo il metal detector ricercherà le frequenze operative meno disturbate.

Test in vivo

Il pulsante per il bilanciamento del terreno e infine il pulsante accetta-rifiuta per modificare la discriminazione, una pressione prolungata nel menù vi farà retrocedere di un livello. Nella seconda parte di questa recensione che vi proporremo la prossima settimana vi spiegheremo il menù e le impostazioni. Una parte a cui dovrete prestare la massima attenzione. 

Vi ricordiamo inoltre che per vedere tutte le nostre recensioni in video e test potrete visitare anche il canale YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCEGXVAaxKO_yu9_20qnyX_w?view_as=subscriber

 

Ti potrebbe interessare anche —->>

ASSOCIAZIONE SOS METAL DETECTOR NAZIONALE: AL SERVIZIO DELLA COMUNITA’