LA MAFIA NIGERIANA ALZA IL TIRO

Le leggi speciali sono contentini da campagna elettorale mentre il fenomeno deviante rimane irrisolto e sotto gli occhi di tutti. Riti Woodoo per intimidire e uccidere chi si ribella alla legge dei nuovi camorristi neri.

Uno degli ingressi nel centro della cittadina domiziana.

CASTEL VOLTURNO (Caserta) – Traffico di organi gestito dalla mafia nigeriana nel casertano? Reni e polmoni a buon mercato ceduti a danarosi acquirenti ammalati? Di certo, sino ad ora, c’è soltanto la strapotere della mafia nera emergente che si sta facendo spazio persino tra le cosche dei Casalesi a cui inizia a dare fastidio. Dopo anni di manovalanza gli spietati boss nigeriani non ci stanno più a fare la parte dei subalterni. Da oggi i capi negri dai vestiti sgargianti e ingioiellati si sono guadagnati una loro autonomia e a droga, armi e prostituzione hanno aggiunto gli organi, un mercato sempre più fiorente che rischia di dilagare a macchia d’olio.

Ormai le gang nigeriana sono dietro a tutto dalle manifestazioni di migranti alla prostituzione di donne connazionali.

Per questi delinquenti ormai trapiantati in zona con le prime migrazioni, la vita di un bambino o di una donna vale quasi zero ma rende molto dunque è lecito pensare che il macabro mercato di organi umani sia ormai una realtà consolidata e che darebbe lavoro a decine e decine di affiliati anche tra medici compiacenti e laboratori d’analisi conniventi. Almeno così pare. La vendita di reni, polmoni e altri organi da espiantare presuppone diversi passaggi e una filiera di interventi ben strutturata. Occorrono le richieste, che ci sono sempre, l’individuazione delle vittime ovvero dei donatori sempre più spesso involontari, in minor numero coscienti e informati su che cosa vanno incontro, un luogo dove effettuare le analisi di compatibilità e la chirurgia dell’espianto, mezzi adeguati di trasporto dell’organo sino alla località di trapianto in cliniche bene attrezzate, lontano da occhi indiscreti e con camici bianchi che non facciano troppe domande. Se questa filiera è soltanto ipotizzabile allora il traffico di organi è una realtà e, come abbiamo detto, ormai ben consolidata. Ma pare che non tutti sappiano come stanno sul serio le cose:

Ormai le gang nigeriana sono dietro a tutto dalle manifestazioni di migranti alla prostituzione di donne connazionali.

”… Non conosco i dettagli dell’indagine sul traffico di organi che sarebbe gestito dalla mafia nigeriana – aveva detto a suo tempo Dimitri Russo, ex sindaco di Castel Volturno in quota al Pd – ma di certo non mi meraviglia conoscendone la spietatezza. Lo Stato deve essere più presente a Castel Volturno e risolvere concretamente il problema dei migliaia di migranti clandestini presenti… La mafia nigeriana ha sempre operato sotto terra, senza mai intaccare gli interessi dei criminali italiani. Peraltro non ha neanche condizionato con le sue attività il funzionamento del Comune, né ha danneggiato i cittadini italiani. Si tratta di organizzazioni che influiscono sulla vita della propria comunità di appartenenza, in cui ci sono migliaia di persone oneste…”.

La nuova camorra di colore ha i suoi capi e gli emissari su tutto il territorio nazionale ma in particolare nella provincia di Caserta.

Il fenomeno, però, non va affatto sottovalutato. Il grave problema c’è e deve essere affrontato a uso duro specie dalle istituzioni locali che pare, invece, cerchino di minimizzare un fenomeno criminale in costante ascesa. Il primo cittadino sembra sottovalutare il fenomeno.  Quella nigeriana è una nuova camorra bene organizzata e in grado di autogestirsi sennò che ci farebbe spesso e volentieri, in zona, il Federal Bureau of Investigation che da mesi opera sul litorale Domizio? L’appello di Giorgia Meloni, leader dei Fratelli d’Italia, appare più calzante per una emergenza che presto potrebbe sfuggire di mano a qualsiasi controllo di polizia:

”…Reni venduti per 5000 euro, donne e bambini venduti e uccisi, uomini mutilati – ha evidenziato Meloni – questo è diventata Castel Volturno in mano alla mafia nigeriana nel totale silenzio dei buonisti. Lo Stato mandi l’esercito con i blindati. Siamo pronti a varare una legge speciale…”.

Anche le proteste durante le quali i nigeriani distruggono qualsiasi cosa hanno alle spalle i boss della nuova camorra africana.

Legge speciale che, però, è rimasta nel cassetto e che verrà riesumata, ne siamo certi, nel corso di una prossima campagne elettorale. Il traffico di organi dall’Africa verso l’Italia passa per la Sicilia e si ferma nel Casertano. Mentre i flussi di denaro vagano fra nigeriani “domiziani” e connazionali di Chicago e New York circa 15.000 migranti rimarrebbero ostaggio di alcune gang di camorristi neri che hanno su di loro poteri di vita o di morte con i micidiali riti Woodoo.

Regolamento di conti per prostitute.
Medici chirurghi complici e cliniche compiacenti.
Cadaveri di bambini di colore a cui sono stati espiantati organi.
Rito Woodoo per far prostituire una donna reticente.
Rito Woodoo con il quale si può ammazzare una persona o indurla al suicidio.