HOLY HOLES, UN CORTOMETRAGGIO DI EDOARDO PASQUINI

Il regista di Senigallia, 29 anni, presenta a POP il suo lavoro, girato nel Comune di Nova Siri

Ciao Edoardo, presentati a POP

EP: Mi chiamo Edoardo Pasquini, ho 29 anni, vengo da Senigallia, vicino ad Ancona. Ancora il mio cinema non esiste: sono meno di tre anni che mi dedico al videomaking, ho iniziato montando i film degli altri e adesso continuo come regista e montatore.

Quello che mi interessa è fare prodotti originali, che assomiglino il meno possibile a qualcosa di già visto. Non è facile riuscirci, ma la direzione deve essere quella.

Parlaci del cortometraggio che ci presenti

EP: Il film che presento è stato fatto in due giorni, dalle riprese al montaggio. Abbiamo lavorato in squadra, insieme a Audrey, la DOP. Ci interessava girare un corto ambientandolo a Nova Siri (in Basilicata, n.d.r.) e sono contento per la qualità delle immagini e per il lavoro di tutto il gruppo.

Consiglieresti l’esperienza di Cinemadamare?

EP: Consiglio a tutti Cinemadamare, è stata un’esperienza appagante a livello umano e a livello professionale. E’ un festival molto utile per conoscere persone con la tua stessa passione ed i tuoi stessi gusti e quindi per fare gruppo.

Il cinema è una cosa che si fa insieme e questo festival da la possibilità a chi inizia ad approcciarsi a questo mondo di provare un po’ di tutto e di mettersi in gioco. L’assenza della pressione di un committente ti lascia libero di esprimere te stesso al meglio.