CATANIA – DUE MORTI AMMAZZATI A LIBRINO: RIPRENDONO GLI SCONTRI FRA COSCHE?

Forse un regolamento di conti oppure la ripresa della guerra fra cosche mafiose che in città si contendono le zone a più alto spaccio di droga. Si vedrà nei prossimi giorni durante l'avanzare delle indagini.

Catania – È di due morti e quattro feriti (di cui uno molto grave) il bilancio di una sparatoria registrata nel tardo pomeriggio di ieri nel quartiere Librino a Catania. Sul caso indagano i carabinieri del Reparto Operativo, coordinati dalla Procura etnea e, al momento, non è stata resa nota l’identità delle vittime. L’ipotesi più accreditata sembra essere quella del regolamento di conti tra clan che si contendono le piazze dello spaccio di droga ma gli inquirenti non tralasciano altre piste.

Il quartiere Librino di Catania, una delle maggiori piazze di spaccio della città.

Ti potrebbe interessare anche —>>VITTORIA: AMMAZZATO ORAZIO SCIORTINO, EX COLLABORATORE DI GIUSTIZIA. GIA’ AFFILIATO AL CLAN CARBONARO-DOMINANTE.

Il fattore preoccupante riguarda la probabile ripresa della faida fra i gruppi affiliati alle cosche mafiose, ancora molto attivi sul territorio urbano. Nella notte tra venerdì e sabato il fratello di un’esponente dello storico clan mafioso dei Cappello era stato ferito con un colpo d’arma da fuoco che lo ha raggiunto al polpaccio. Non è escluso che i due episodi possano essere collegati. Quella di ieri è stata una vera e propria esecuzione e, nelle prossime ore, il bilancio delle vittime potrebbe aggravarsi ancora di più. Le forze dell’ordine rimangono in massima allerta.

Ti potrebbe interessare anche —>>SIRACUSA – OPERAZIONE ANTIMAFIA NELLA PROVINCIA ARETUSEA. ARRESTI A SOLARINO E FLORIDIA