ANCONA – DOMATO L’INCENDIO. UNA VASTA COLONNA DI FUMO PREOCCUPA LA POPOLAZIONE

Anche il sindaco Valeria Mancinelli attende con ansia i risultati delle analisi dell'aria e del fumo sprigionatosi dall'incendio che ha coinvolto diversi capannoni dove erano stoccate sostanze chimiche e gas pericolosi.

AnconaLincendio al porto cittadino è stato domato ma una densa colonna di fumo continua a sprigionarsi, seppur in quantità sempre minore, dalla medesima zona interessata dalle fiamme e si teme per la salute pubblica. Esplosioni, lingue di fuoco e colonne di fumo denso visibili in tutta la provincia hanno sconvolto la città marchigiana poco dopo la mezzanotte. L’origine del rogo sarebbe stata individuata all’interno del capannone ex Tubimar, sede di numerose attività, tra cui una ditta che produce azoto liquido, una centrale elettrica ed un impianto di metano.

Il Comune ha chiuso in via precauzionale tutte le scuole di ogni ordine e grado, i parchi e gli impianti sportivi all’aperto, ed ha invitato la popolazione a tenere le finestre chiuse in via precauzionale oltre a limitare gli spostamenti non necessari, in attesa dei risultato delle analisi dell’aria effettuate dell’Arpam e dell’Asur.

Immediato l’intervento dei Vigili del Fuoco che con 16 squadre provenienti anche dai diversi comandi delle Marche, sono riusciti a circoscrivere il rogo usando anche mezzi aeroportuali. Le fiamme hanno distrutto alcuni camion e tutte le strutture dei capannoni interessati, dove potrebbero trovarsi appunto solventi, vernici e altri materiali potenzialmente tossici. In Prefettura ad Ancona è in corso una riunione convocata d’urgenza dal prefetto Antonio D’Acunto. In serata i primi risultati delle analisi.